Storia Dentro la Memoria


Lascia un commento

Il capitello scomparso della piazza di Lovari

di Paolo Miotto

Al centro del trivio, almeno dal Settecento, esisteva un capitello riportato da tutte le mappe catastali. Prima della costruzione dell’oratorio rappresentava l’unico riferimento pubblico sacro di Lovari. Era stato innalzato come punto di riferimento religioso in un tempo nel quale l’antica chiesetta medievale era in stato di abbandono e si tentava di prolungare il culto verso l’antico patrono S. Leonardo. I primi riferimenti documentari si ricavano dalle memorie del pittore e cronista castellano Nadal Melchiori.

capitello di Lovari

La Piazza di Lovari nel 1846 con la pianta del capitello mariano scomparso.

Nel 1719 era stato chiamato dai lovarani per affrescare il nuovo capitello con le immagini di Maria Addolorata, Cristo e S. Leonardo[1]. I deputati del comune di Lovari Agostino De Santi e Francesco Stoppa avevano curato la richiesta per conto degli abitanti della contrada, scelto l’artista, le immagini e le iscrizioni. È lo stesso pittore a rendere conto del suo lavoro, scrivendo nei primi decenni del ‘700 di aver dipinto un altro capitello nel Comun de Lovari con le seguenti iscrizioni dipinte sotto ogni scena affrescata: Fermati passegger humil t’inchina Alla Madre di Dio del Ciel Regina. Resurrexit sicut dixit. Caput ejus pungitur corona spinarum. Ascendit ad coelos. Sanctus Leonardus Prot[tettor] Lup[arorum]. Natalis Melchiori C. Castrifranci pingebat. 1719. Augustin de Santi e Francesco Stoppa Deputati f[ecero] f[are] 1719[2]. La data proposta fa riferimento agli affreschi, è quindi probabile che lo stesso capitello sia stato innalzato poco tempo prima. Fu demolito per ampliare la sede stradale. Non doveva certo essere piccolo, tenuto conto della misura del suo cancello, che ora si trova all’ingresso del giardino della canonica, sul lato destro della cancellata principale.

Anagrafe Lovari reg 3 APSML 372

Il cancello della casa canonica di S. Martino di Lupari che un tempo si trovava sul capitello scomparso del capitello di Lovari

 

La scomparsa del capitello non è rimasta nella memoria dei lovarani. Risale probabilmente tra fine ‘800 e i primi del ‘900, anche se la Franceschetto sembra alludere a un periodo più tardo, dopo la metà del XX secolo[3].

[1] N. Melchiori, (1724-1725), c. 466).

[2] Traduzione delle iscrizioni: Resuscitò come disse. Il suo capo è punto dalla corona di spine. Asceso al cielo. San Leonardo protettore dei lovarani. Natale Melchiori di Castelfranco dipingeva nel 1719.

[3] G. Franceschetto, I capitelli di Cittadella e Camposampiero. Indagine sul sacro nell’Alto Padovano, Roma 1972, p.23, n. 5.

Annunci


Lascia un commento

Cognomi censiti a Lovari dal XII e il XX secolo

Si riportano di seguito in ordine alfabetico tutti i nomi e i cognomi degli abitanti di Lovari, rinvenuti nei documenti dal XII al XX secolo, con la data della comparsa. Sono state omesse le forme onomastiche che precedono il XII secolo, già ricordate in altra parte del libro. La maggior parte dei cognomi identificati è scomparsa dal paese. Il principale travaso e ricambio si è avuto nella seconda metà dell’Ottocento a causa del mutato clima socio-economico, che ha determinato sia movimenti migratori interni, sia l’espatrio verso le Americhe e l’Europa.

centro Lovari

Il villaggio di Lovari nella zona centrale nel particolare di una mappa del 1710.

 

Da P. Miotto, Lovari nella Storia. Alle origini del territorio dei San Martino di Lupari, San Martino di Lupari 2015, pp. 376-381.

Elenco in ordine alfabetico dei nomi, dei cognomi e anno in cui compaiono a Lovari[1]:

Andretta (1799)

Antonelli (1774)

Antonello (1562), detto Pignolo (1693)

Bacchin (1569)

Baggio (prima metà ‘800 e 1906)

Balase (1569)

Baldissera (1570)

Barbetta (1569)

Barcarone, detto Conte (1359)

Bariolo (1825)

Barizola (1401)

Bartolomeo di Guidone (1487)

Batiolo (1816)

Battagin (1843)

Battistella (1946)

Battocchio (1824)

Bavaresco (1807)

Bazzacco (1818)

Beccaro (1575)

Bellafè (1562)

Bellon (1575)

Beltrame (1777)

Benetin (1562)

Benozzi (1783)

Beraldo (1668)

Bergamin (1473)

Bernardi (1580)

Berthomo (1487)

Berti (1487)

Bertolo (1756);

Bianco (1635, 1730);

Biordino (1487);

Biordo (1562);

Birollo (1418);

Bittante (1790);

Biviolo (1524);

Boldrin (1828);

Bonato (1572);

Bonidi (1401);

Bonzuanne (1593);

Borat[t]o (XIV secolo, 1418);

Borella (1572)

Bottesella (1569, merzaro da Venezia)

Bracco (1620)

Bragagnolo (1801)

Bregantin (1569)

Brigo (1668)

Brocato (1572)

Bronca (1800)

Brunato (1782)

Bruscato (1575)

Bruzzo (1823)

Bulio (1569)

Busato (1693)

Bussolin (1763)

Cacchiolo (1798)

Cagnola (1593)

Calzavara (1834)

Campagnola (1575, da Resana)

Canale (1763)

Cappelletto (1668)

Carlon (1618)

Carraro (1418)

Casonato (1837)

Cattapan (1831)

Cauzzo (1830)

Cavallin (1668)

Cavicchiolo (1777)

Cazaro (1487)

Cazzaro (1569, Cassaro)

Cazzarotto (1828)

Ceccato (1765)

Cecchin (1828)

Ceccon (1849)

Cerato (1574)

Cimadore (1487)

Colla (1562)

Corno (1569)

Cortese (1668)

Crosetta (1768)

Cuccato (Chucato 1569, Cuchati 1574)

Cusinato (1804)

Daminato (1668)

De Poli (1418, di Puoli 1574, De Polli nel ‘600, Depolli 1834)

De Santi (de Sancto 1443, di Sancto 1568, di Santi 1569, de i Santi 1697);

Dengo (1809)

Domenego di Jacomo di Matio, da San Martino (1487)

Dorella (1562)

Enrico (1359)

Fabiano (1487)

Fabris (1804)

Fantini (1769)

Fauro (1569, da Trebaseleghe)

Fava (1487)

Favaretto (1794)

Favaro (1418)

Favero (1562)

Ferraro (1778)

Ferro (1819)

Ferronato (1851)

Filippetto (1768)

Filippi (1759)

Fiocco (1668)

Fior (1883)

Fioravante, detto Sachino (1359)

Fiorin (1780)

Fontanina (1562)

Gatto (1619)

Geron (1896)

Giacomazzo (1418 a Borghetto, a Lovari nel 1818)

Giacomo di Leonardo, da Lunigiana (1487)

Giovanni fu Domenico, detto Zocco (1401)

Giurizzato (1774)

Gorgi (1750, a Lovari anni ’30 dell’Ottocento)

Gottardo (1822)

Grotto (1668)

Guglielmo del fu Rigotto (1401)

Guidolin (1777)

Guzzato (1562)

Lambughello (1183)

Lancillotti (1563, Ancillotti 1573)

Lazzari (1758)

Lionese (1788)

Locadello (1562)

Loregiola (seconda metà ‘900)

Lorenzo della Mira (1492)

Luchetta (1593)

Luni (1835)

Macchiavelli (1641, Marchiavello, 1684)

Mamprin (1759)

Mantovan (1569)

Marangoni (1569)

Marcato (1796)

Marcon (1562, primi ‘900)

Marcosanto (1668)

Mardegan (1889)

Mariga (1562, Marigo 1575)

Mariotti (1771)

Martini (1705, 1735 stabile)

Mattiazzo (1756)

Mattiello (1569)

Mazzonetto (1607, 1669 stabile)

Mellon (1569)

Meneghello (1593)

Meneghetti (1900)

Menego (1593)

Menegon (1621, da Onara)

Merlino Pietro fu Menico (1401)

Miatello (1791)

Miazzi (1826)

Michielon (1828)

Milan (1668)

Miotti (1848)

Modena (1804)

Mognon (Magnon 1818, Mugnon 1820)

Monegato (1490)

Moro (inizi ‘900)

Muraro (1569, da Villa del Conte)

Nardinelo (1573, Nardello?)

Novarin (1774)

Orsato (1573)

Pace, detto Pievano (1359)

Pagiotto (1569)

Paliotto (1779)

Pallaro (1822)

Parolin (1831)

Pasin (1774)

Passaglia (1786)Pavan (1574, ritornano a Lovari nel 1833)

Pavin (1693)

Pegoraro (1562)

Pegorin (1609)

Pellanda (1765)

Peon (1487)

Peron (1762)

Perozzato (1569)

Pettenuzzo (1821)

Pierobon (Petri Boni 1570, da Tombolo)

Pigato (1881)

Pilotto (1851)

Pinchiaro (1806)

Pivato (1849)

Plancia (1490)

Poggiana da (1418)

Polo (1795)

Polo di Giacomo (1487)

Ponetto (1668)

Povia da Asolo (1487)

Priore (1780)

Querini (1769

Querin 1820)

Ravagnolo (1569)

Rigo (1825)

Riolfi (1887)

Rizzardi (1418, Rizzardo 1562)

Romagnolo (1875)

Romanello (1593, 1825 a Lovari?)

Rossi (1794)

Rubin (1611)

Ruffato (1816)

Sabbadin (1802)

Sacco (1668)

Salvador (Salvadore 1562, Salvaore 1607)

Salvalaggio (1790)

Santi (1443) con il capostipite Strasius figlio di Battista de Sancto

Santo (1562)

Sartor (primo decennio del ‘900)

Sartore (1562)

Scandolara (1401) capostipite è Bartolomeo fu Guglielmo da Scandolara vissuto nel XIV secolo

Scapin (1779)

Schesaro (1569, Schiesaro)

Scudiero (1786)

Serato (1831)

Sgambaro (1418, 1819 a Lovari)

Sicuro (1826)

Simioni (1877)

Simonetto (1820)

Smania (1803)

Stocco (1668)

Stoppa (1562, detti Cocco 1697)

Stracciapaglia (1401)

Stramanà (1572, Stramanati 1577, Stramenà 1618)

Strazza (1860)

Tasca (1562)

Tesina (1572)

Tessari (Tessaro 1493, Texaro da Arsego 1568, Tessari 1746)

Tessarolo (1562 Tellaruolo)

Todaro (1620)

Tomasello (1668)

Toniato (1569, detti Pallin 1609, a Lovari dal 1860)

Tonietto (1832)

Tonin (1573)

Tonio di Domenego (1487)

Toniolo (1593)

Toso (detti Comacchio 1605, a Lovari 1779)

Turcato (1845)

Valentinis (1562)

Vedelago (1920)

Vicentin (1883)

Vicenzi (1567)

Villatora (1747, detti Cappellaro, a Lovari dal 1818 con soprannome Sèega)

Viotto (1813)

Volpato (1863)

Zago (1487)

Zambon (1865)

Zambuso (1562)

Zamperin (1668)

Zanatta (1569)

Zanella (1825)

Zanetti (1769)

Zanfagnon (1567, Zafagnon 1562)

Zangiacomi (1775)

Zanin (1572)

Zaniolo (1750, detti Barbette 1763, Biasion 1836)

Zanon (1776)

Zaptaloi (1574)

Zardo (1668)

Zoella (1618)

Zorzi (1769)

Zuane di Mengo (1487)

Zulian (1593, detto Gabban (1693)

[1] In presenza di più date si specifica, caso per caso, la data di arrivo a Lovari.

Contatore visite gratuito


Lascia un commento

Presentazione volume storico su Lovari (PD)

copertina libro Lovari Web

Una nuova pubblicazione, frutto delle più complete e aggiornate indagini storiche sul territorio di Lovari, spiega anche le origini di San Martino di Lupari (PD)

Venerdì 11 Dicembre 2015 nella chiesa succursale di Lovari è stato presentato il nuovo volume sulla località e la sua storia di fronte ad un pubblico di circa 150 persone. Ha introdotto la serata Mons. Livio Buso, arciprete di San Martino di Lupari, spiegando il significato di una ricerca che va a completare l’indagine storica intrapresa da diversi anni dall’autore Paolo Miotto. Quindi ha preso la parola Olga Frigo, attuale presidente del Gruppo Carpe Diem promotore dell’iniziativa, ricordando con un moto d’orgoglio l’esigenza che si sentiva nella frazione di conservare le tradizioni Novecentesche e recuperare quelle più antiche attraverso una seria ricerca d’archivio. Il dott. Filippo Tosatto, giornalista del Mattino di Padova, ha intrattenuto gli ospiti sulle fasi cruciali di valenza internazionale che la comunità di Lovari ha vissuto nel corso del tempo: dalla presenza di culture nazionali ed europee di epoca  medievale fino alle tristi vicende dell’eccidio nazifascista del 29 aprile 1945 che hanno seminato morte e miseria anche nel territorio luparense. Il prof. Furio Gallina si è soffermato sulle origini del primo nucleo abitato lovarano  che si era insediato nel villaggio protostorico della Mottarella e su alcune evidenze del tessuto economico e sociale della comunità lovarana, incentrate sulla presenza dei Remondini e la trasformazione del territorio mediante l’introduzione della coltura del riso. Infine, l’autore, ha presentato i principali nuclei tematici sviluppati nel volume mediante un percorso audiovisivo iniziando dall’innovativa teoria del fondatore medievale  Lòpari, passando in rassegna tutte le micro località del paese e i principali documenti storici, fino alla trasformazione urbanistica degli ultimi tempi evidenziata dalle foto aeree realizzate con il drone.

Una serata che rimarrà nella mente dei partecipanti e che continuerà a far parlare attraverso la diffusione del volume nelle case di quanto vorranno approfondire questa storia inedita che contiene un importante capitolo anche sui cognomi storici del paese e le vicende genealogiche a queste riconducibili.

Per la carrellata fotografica della serata si veda l’indirizzo: https://associazionewhitebox.it/in-formazione/lovari-nella-storia-di-paolo-miotto/
Contatore visite gratuito