Storia Dentro la Memoria


Lascia un commento

Il rapimento di Giovanni Martini a Rossano Veneto (3^ parte)

di Franco Marchiori

Vediamo quanto annotò nel suo diario Guido Toniolo:
30 Agosto 1944 Guerra
Alla prime ore del 30 agosto successe un fatto di sangue su Martini Giovanni di Angelo, presso propria abitazione, Villa Martini. Il Martini è Commissario Prefettizio di Rossano. Orbene, stanotte fu deportato e per questo fu sparato e ferito. Come pure sua sorella fu lorda di sangue e non ferita. Parlano essere stati quelli della montagna. Ogni modo il fatto suscitò gran sgomento. Si dice che sparò pure lui e che aveva tentato di fuggire per la retro casa; che avesse delle bombe e la mitra. La gente fugge. Temono delle punizioni pubbliche.
[…] Particolare su Martini dicono che avesse una mano quasi staccata dallo scoppio di una bomba a mano che lui stesso, maneggiandola, le scoppiò in mano.
Le scale, stanze sono lorde di sangue.
Dicono le voci che andarono verso la Sega e Casa rossa ove fu condotto con auto.

Gino Stragliotto, mezzadro e vicino di casa di Martini Giovanni, riferisce quanto segue:
All’epoca c’era il Padre Nicolini dei Camilliani, che era un pezzo grosso, e lui sembrava che stesse dalla parte dei tedeschi, ed invece stava con i partigiani, faceva il doppio gioco insomma…
E quando vennero a prendere Martini venne qui da noi a dirci di scappare per paura delle rappresaglie dei tedeschi… e tutti scappammo e passammo la notte fuori… mi pare che eravamo nel ’44, il periodo in cui presero i partigiani sul Grappa. E quando sono venuti a prenderlo qua a Mottinello c’è stato un grande sconvolgimento e tutti scappavano, perché non si sapeva la fine che facevano quelli che venivano presi, e molti non tornarono più, era paura vera. Ci portavano a lavorare a Cismon, per i tedeschi, dove si costruiva un impianto di sbarramento per i carri armati…
Quanto alla cattura del Martini da parte dei partigiani, essa venne in seguito al rifiuto di alcuni di andare a lavorare a Cismon sotto i tedeschi. Il Padre Nicolini al pomeriggio passò anche di qui ad avvertire che quella notte ci sarebbe stato un rastrellamento dovuto al nostro rifiuto di andare a Cismon. Ma io non ci credetti molto. Faceva il doppio gioco… Porca l’oca… all’una di notte sento il finimondo qui, una guerra, rumore di bombe a mano, di mitraglie. Le mitraglie erano dei partigiani, e le bombe del Martini… mi svegliai, saltai giù dal letto (ove giacevo con mia moglie) volevo scappare ma mio fratello mi intimò di non muovermi… pensavo al rastrellamento come ci preavvisò il Nicolini… Allora rimasi in silenzio, al buio, senza muovermi, ad ascoltare… Lo avevano chiamato: ‘Martini scendi’ ma lui niente, lo sapeva che gli toccava di fare quella fine lì, per questo si era preparato con le cassette di bombe a mano, e invece di scendere ha risposto con il fuoco… ma i partigiani avevano già circondato tutto il palazzo e cominciarono a sparare con le mitraglie. Il tutto durò per un’ora, finchè poi non si udì più nulla, e di lì a poco sentii il rumore di una cavallina che trainava un carro che correva come il vento e si dirigeva verso il centro di Mottinello, e sentivo i lamenti di un uomo ferito. Gli avevano staccato un braccio all’altezza del polso. E lo presero sul retro della casa, da cui tentava di fuggire, ma essendo circondato fu veduto e colpito da una bomba a mano. Tutti erano convinti che fosse morto, aveva perso molto sangue. I partigiani gli dicevano: ‘Disgraziato, perché avete sparato?’ Ma lui non faceva altro che lamentarsi e non rispondeva.
Dopo non si sentì più nulla. Al mattino venne il Padre Nicolini dicendo di scappare, che sarebbero venuti a prenderci tutti. E poi non si seppe più nulla, neanche del Martini, se non che alla fine lo liberarono, prima che i tedeschi andassero a prendere i partigiani in Grappa. Lui tornò a casa guarito.
Però quando tornò a casa, e anche per questo lo ammiro, non parlò con nessuno di quello che gli era successo, e di chi era stato… e dire che li conosceva tutti. Erano stati quelli di Rossano e di Belvedere, il loro capo era da Belvedere ed era un mio amico ma io non sapevo che lui era un partigiano.
Dopo la guerra, i partigiani continuavano ad infastidire il Martini, venivano qua e gli prendevano il fieno, da padroni senza domandare.

Padre Odone Nicolini

Padre Odone Nicolini

Vediamo invece la descrizione che il Martini stesso fece nell’interrogatorio effettuato del 21/06/1945, presente nel fondo C.L.N. presso l’Archivio di Stato di Vicenza:
Nella notte dal 29 al 30 agosto del 1944 io, per essere commissario prefettizio di Rossano Veneto, e non per ragioni mie personali, fui prelevato dai partigiani. Io, non sapendo qual genere di persone si fossero presentate alla mia abitazione (era l’1 di notte) mi difesi, senza ferire nessuno, perché mi limitai a scagliare a casaccio dalla finestra tre bombe a mano a scopo intimidatorio, il che portò che io fossi ferito con bombe a mano di ritorsione al braccio sinistro e alla gamba destra, nonché di striscio per arma da fuoco al capo. Fui prelevato e portato sul Grappa a Campo Croce; ma dopo 23 giorni, fui lasciato libero, in occasione del rastrellamento sul Grappa[…]”

Nel complesso le versioni risultano abbastanza simili, fra le incoerenze c’è da segnalare la diversità delle date: dal 21 agosto della descrizione di Bill (data riportata anche da Corletto G. in Masaccio e la Resistenza tra il Brenta e il Piave) al più attendibile 30 riportato nel diario Toniolo e nel verbale di interrogatorio effettuato a Giovanni Martini. Bill parla, inoltre, della madre del Martini mentre quest’ultimo abitava solo con la sorella, come risulta dal censimento del ’36 e come sostengono il Toniolo e lo Stragliotto. Lascia un po’ perplessi il riferimento agli sfollati di cui parla Francesco Miron: l’unica persona in casa estranea ai fatti era la sorella del Martini. Inoltre, un’altra incoerenza da rilevare sta nelle ferite riportate dal Martini, si ritiene a tal proposito più credibile la deposizione di quest’ultimo fatta in tribunale a pochi mesi di distanza dal rapimento.
Presumibilmente Martini si aspettava qualche ritorsione, per questo si era preparato con delle bombe a mano in casa; inoltre nel mese di giugno dello stesso anno fece domanda alle competenti autorità per ottenere il porto d’armi per la sua difesa personale.

Martini - Licenza porto d'armi 1

Licenza porto d’armi di Giovanni Martini

 Fu poi liberato il 21 settembre durante il rastrellamento del Grappa eseguito dal 21 al 27 settembre che ebbe come tragico epilogo l’eccidio di partigiani nei viali Venezia e dei Martiri a Bassano. Per la cronaca, il 26 settembre furono catturati e successivamente impiccati anche Cocco Giovanni fratello di Bill e Bizzotto Giuseppe di Rossano Veneto. La prigionia del Martini, avvenuta a Campo Croce, Comune di Borso del Grappa (TV), durò in tutto 22 giorni.
Riporto di seguito quattro descrizioni del rilascio del Martini durante il rastrellamento:
La prima tratta da Monte Grappa tu sei la mia patria. La brigata Martiri del Grappa, di Gramola B., La Tipografica, Rossano V.to (VI), 2003 a p. 97.
Cocco [Andrea “Bill”] non permise che fosse malmenato, ma lo fece medicare e il 23 lo spedì in montagna, dove lo prese in cura il dott. Nardini “Pippo” e dove venne processato. Fu lasciato libero dai partigiani presso Cima Grappa il 21 settembre e non pare abbia tradito i patrioti conosciuti in montagna.
La seconda tratta dallo stesso volume a p. 109:
Pietro Giovanni Cocco, classe 1925, era salito in montagna con i fratelli Andrea e Renato il 15 agosto. Sul Grappa fu addetto alla custodia dei prigionieri in Camol, tra i quali il ten. Aldo Piras, il seg. magg. Mariano Costacurta, il centurione Martini di Rossano, alcuni tedeschi… in tutto una quindicina di persone. In caso di rastrellamento l’ordine era di uccidere i prigionieri, che non potevano aver visto luoghi e persone. Il 21 settembre mattina Giovanni, con altri 19 addetti alla custodia, fu mandato di rinforzo ai Prati di Semonzo. Al ritorno, ridotti ormai a pochi, Giovanni Bordignon avrebbe voluto uccidere i prigionieri, ma il ten. Bosio si oppose. Allora Giovanni Cocco e gli altri si avviarono con i prigionieri verso Cima Grappa, ma vennero attaccati dai tedeschi e i prigionieri fuggirono.

Da Campo Croce a Camol

Da Campo Croce a Camol

Malga Camol

Malga Camol

La terza tratta dallo stesso volume a p. 143:
“[Testimonianza di Tarcisio Loro “Lorenzin”] Salito con i compagni e i due prigionieri [due camicie nere] verso Cima Grappa in obbedienza agli ordini, ritrovò altri partigiani (Pietro Giacometti “Giacomelli”, Francesco Marchetti “Neri Italo” e Antino Vico “Max” del suo stesso paese, un italiano paracadutato dagli Alleati e due ragazzi di Schio con il podestà Martini prigioniero). Quando arrivarono sulla cima, era ormai mezzanotte e l’albergo era in fiamme. Il podestà Martini si offrì di andare a controllare se ci fossero nazifascisti e, dopo circa mezz’ora, ritornò dicendo che non c’era nessuno. A Cima Grappa il gruppetto partigiano liberò i tre prigionieri

L’ultima tratta da Voci e volti: testimonianze e immagini di guerra, prigionia, resistenza di combattenti del bassanese nella seconda guerra mondiale, di Parolin N., Bellò G., BST, Romano d’Ezzelino (VI), 2002, pp. 283-4.
“[Testimonianza di Tarcisio Loro “Lorenzin”] Mi spostai dalla parte del Col Moschin dove trovai altri amici che avevano con sé una mitragliatrice con 2.000 colpi nello zaino. Dal nostro nascondiglio vedemmo uscire dal bosco due soldai delle brigate nere in perlustrazione. Li facemmo prigionieri e con loro ci dirigemmo in Grappa.
Lungo il tragitto incontrammo altri compagni partigiani che avevano con sé il podestà di Rossano, il sig. Martini.
Intanto, sulla cima, l’albergo bruciava tutto. Ci chiedevamo chi l’avesse dato alle fiamme. Martini si esibì di andare a controllare.
Sì, va bene – dico io – Se entro mezz’ora non arrivi sappiamo che sopra ci sono i tedeschi. Dopo mezz’ora ritornò tra noi e allora li lasciammo liberi tutti e tre.

In sintesi quindi i partigiani decisero di non uccidere i prigionieri che, poco dopo, riuscirono a fuggire. Questa scelta si rivelò deleteria per il movimento perché Piras e Costacurta una volta liberi rivelarono tutto ciò che sapevano. Martini però, pur facendo parte di questa quindicina di prigionieri fuggiti, non ottenne la libertà: lo ritroviamo una seconda volta prigioniero di un altro gruppo di partigiani. In quel caso aiutò addirittura i partigiani ed in cambio ottenne la libertà.
Una volta liberato, Martini fu ricoverato per tre giorni all’ospedale di Bassano del Grappa, venne poi trasferito all’ospedale di Vicenza dove rimase per una ventina di giorni. Una volta dimesso trovò ospitalità a Schio dove rimase un mese e mezzo. Dopodiché accettò l’incarico di Commissario Prefettizio nel Comune di Sossano (VI) dove rimase fino al 25 aprile 1945. Il fatto che Martini, una volta liberato, non fece i nomi di chi l’aveva rapito è confermato sia da fonti partigiane che non. Di fatto mantenne fede ad una promessa fatta a Campo Croce a Padre Nicolini presumibilmente in cambio della sua liberazione. Padre Nicolini testimoniò con due lettere alla Corte d’Assise Straordinaria di Vicenza il fatto che Martini mantenne fede a questa promessa e in questo modo favorì il suo proscioglimento.
Ad onor del vero è giusto sottolineare come Martini fu sì processato, ma il tutto si risolse con un nulla di fatto. La prima denuncia fatta a suo carico risale al maggio del ‘45, la sua scarcerazione è datata settembre dello stesso anno, mentre il suo definitivo proscioglimento con provvedimento di archiviazione è dell’aprile del ‘46. Le motivazioni del Procuratore Generale riportate nell’Ordinanza di scarcerazione sono testualmente:
Visto il verbale di interrogatorio e gli atti contro Martini Giovanni fu Angelo arrestato per collaborazionismo attesto che sono venuti a mancare a carico dell’arrestato indizi sufficienti di colpevolezza.
Le motivazioni del Pubblico Ministero per l’archiviazione del caso sono invece:
Il Pubblico Ministero presso la sezione Speciale di Corte d’Assise in Vicenza. Visti gli atti relativi a Martini Giovanni fu Angelo ritenuto che per il fatto di cui trattasi non si possa procedere per la manifesta infondatezza della denuncia, fondata su un sospetto ingiustificato.
Ordina la trasmissione dei dati nell’archivio.
Di fatto furono ascoltati il Marchese Federico Mainardi, Sindaco di Rossano nominato dal CLN a guerra finita, e Marinello Romeo suo principale accusatore. Non ho trovato documenti che attestino la verifica della fondatezza delle accuse rivoltegli e ho buoni motivi per credere che non sia stata svolta nessuna indagine. Come unico teste fu ascoltato P. Nicolini che scagionò il Martini dalle accuse.
Giovanni Martini si trasferì a Montaviale (VI) nel luglio del 1946, vi rimase per dieci anni, dopodiché si trasferì a Schio (VI), dove morì il 21 febbraio 1963 all’età di 73 anni.
In sintesi possiamo dire che quest’uomo rappresenta la nascita e la morte del Fascismo nel paese, fu promotore della fondazione del Fascio di Rossano, fu il primo Segretario del Fascio, portò a Rossano il Sindacato Fascista, fu l’iniziatore in paese dei Corsi Premilitari che seguì per molti anni di persona, fu poi l’ultimo Podestà ad essere nominato e l’ultimo Commissario Prefettizio del paese, ma cosa più importante fu l’unico Rossanese ad essere processato in quanto fascista e fu l’unico che dovette lasciare il paese.


Lascia un commento

Il rapimento di Giovanni Martini a Rossano Veneto (2^ parte)

di Franco Marchiori

Il fatto che il Martini abbia tentato di liberarsi del porto d’armi è una cosa verosimile, dato che i partigiani che lo stavano sequestrando avrebbero potuto usarlo a loro piacimento. È altrettanto verosimile che sul porto d’armi potesse esservi indicato il nome Ettore Muti, considerato il fatto che il Muti fu assassinato un anno prima ed è idealmente il primo caduto della Repubblica Sociale Italiana (da ora RSI), osannato come un eroe del Fascismo e della neonata nazione. Più perplessi lascia invece il fatto che i partigiani possano aver scambiato un porto d’armi per una tessera della Guardia Nazionale Repubblicana (da ora GNR).
Risolve la controversa questione una semplice analisi cronologica dei fatti: il 22 febbraio del 1941 il Martini viene richiamato alle armi per unirsi alla 44a legione della MVSN a Schio, il 31 gennaio del 1944 viene cancellato dai ruoli della 44a legione GNR, nel febbraio del 1944 viene nominato Commissario Prefettizio di Rossano, nella notte tra il 29 e il 30 agosto viene prelevato dai partigiani, infine il 1° Battaglione di Combattimento Volontari Italiani “Ettore Muti” giunge a Schio nell’estate del ‘44. In buona sostanza quando il Martini era a Schio la Muti non c’era, quando la Muti arrivò a Schio Martini era già Commissario Prefettizio a Rossano e proprio in quegli stessi giorni veniva rapito dai partigiani.
Analizziamo ora le varie versioni che abbiamo del suo rapimento, confrontandone i contenuti e cercando di capire come andarono effettivamente le cose.

Partigiani Andrea Cocco e Ermeneglido Moro

I partigiani Andrea Cocco ed Ermenegildo Moro.

Partiamo dalla descrizione fatta da Cocco Andrea detto “Bill”, comandante del gruppetto di partigiani che eseguì l’operazione, tratta da La resistenza nell’agro bassanese, di Tessarolo P., Moro, Cassola (VI), 1995:
Il Magg. della Muti Martini Giovanni Podestà di Rossano V.to era molto temuto in paese. La popolazione ma soprattutto i giovani erano continuamente intimo- riti e minacciati che, se non si fossero arruolati nella R.S.I., sarebbero stati, una volta catturati passati per le armi. A tal fine egli aveva richiesto più volte dei rastrellamenti a Rossano.
Nel gruppetto che salì a Campo Croce con me la notte tra il 13 e il 14 agosto 1944 c’erano molti giovani di Rossano V.to, che nutrivano nei confronti del Martini un forte rancore. Da qui la loro insistente richiesta al sottoscritto di andare a prelevarlo e portarlo a Campo Croce.
Mi feci loro interprete presso il com.te Giorgi e ottenuta l’autorizzazione la sera del 21 agosto, partimmo per attuare l’azione. Scendemmo con la carretta delle salmerie tirata dal mulo. Oltre al conducente Brotto Valentino vengono con me: Danilo detto ‘il Guastatore’, Enzo Zadra, Dini Armando, Loro Tarcisio, Miron Francesco e alcuni altri di Rossano V.to. Arriviamo all’abitazione del Martini che si trovava sulla strada che da Mottinello va verso Belvedere, alle 23 circa. La casa era un po’ isolata e la circondammo in silenzio. Pensammo di farci aprire usando uno stratagemma. Uno di noi picchiò alla porta dicendo che aveva un messaggio scritto da parte del com.te della ‘Muti’ di Schio da consegnare personalmente al Magg. Martini. Questi però non abbocca e lancia una bomba a mano del tipo balilla, che per fortuna non scoppia subito. Ne lancia un’altra ma anche questa non esplode. Noi però allarmati ci scostiamo un po’ dall’abitazione. A questo punto Danilo ‘il Guastatore’ con voce tuonante intima al Martini di uscire: ‘O ti arrendi ed esci con le mani alzate entro cinque minuti o ti facciamo saltare la casa’ e dà ordini al proposito: ‘Mettete una carica a destra, una a sinistra, una sulla porta’ e così via. Il Martini esaurite le bombe, comincia a sparare con una pistola di piccolo calibro da una finestra del secondo piano spostandosi poi da una finestra all’altra.
Io che mi trovavo dietro un pilastro nel lato nord dell’abitazione proprio da dove stava sparando, intuii che se avessi lanciata una bomba a mano del tipo Sipe sopra il tetto della casa, calcolandone il tempo questa sarebbe rotolata scoppiando all’altezza della finestra. Ed infatti così feci. Mentre Danilo continuava ad urlare ordini: ‘Accendete le micce, facciamo saltare tutto il fabbricato’ lanciai la bomba che scoppiò proprio nel momento che il Martini si stava sporgendo per sparare l’ennesimo colpo. Egli fu colpito da molte schegge sul viso, alla testa e sul corpo. A questo punto lo spavento del Martini era tale che cominciò a gridare di fermarci, che si arrendeva e che in casa c’era la madre e la sorella: non gli facessimo del male! Noi gli intimammo di uscire con le mani alzate e non gli sarebbe accaduto niente.
Uscì dal portone ad est. Io gli andai incontro, alla mia destra c’era Tarcisio Loro di Rossano, armato di mitra lungo che giunto a pochi metri dal Martini, impugnò l’arma per la canna e la stava scagliando sulla testa del Martini. Feci appena in tempo ad alzare il braccio destro per deviare il colpo e gridargli: ‘Fermo! Dobbiamo portarlo a Campo Croce vivo e non morto!’.
Lo caricammo sulla carretta allontanandoci di tutta fretta verso Castion di Loria. Dopo qualche chilometro, in aperta campagna ci fermammo e lo medicammo alla meglio, poi lo spedimmo a Campo Croce il giorno 23 con un camion carico di rifornimenti.
Il gruppetto che porta il Martini arriva a Campo Croce senza incontrare difficoltà. A Campo Croce il dott. Nardini ‘Pippo’ prende in cura il Martini che in poco tempo si riabiliterà.
Al rastrellamento del Grappa dei nazifascisti il Martini riconquisterà la libertà trasferendosi però immediatamente a Schio. Si seppe in seguito che, malgrado quanto gli era successo, non si rese responsabile di alcuna delazione con i tedeschi, verso persone che aveva ben riconosciuto.
Cocco Andrea “Bill”

partigiani

I partigiani catturati sul Grappa e impiccati il 26 settembre 1944 a Bassano del Grappa.

Sempre di Cocco Andrea “Bill” esiste inoltre un memoriale autografo privo di data, conservato presso l’Istituto Veneto per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea (IVSREC) di Padova, Prima sezione, busta n. 42.
Verso il 30 agosto io tornai in pianura per catturare il Tesserato della Muti Martini Giovanni da Rossano il quale si difese a lancio di bombe a mano delle quali una mi avrebbe spaccato se fosse esplosa perché mi cadde tra i piedi.
Potei avere ragione di lui solo dopo 30 minuti di lotta avendo lui esaurite le bombe a mano che erano in N. di 4 stava appostato dietro il verso della finestra con la pistola in mano pronto a sparare qualora vedesse qualche nostro movimento.
Io intuito che si trovava dietro una delle finestre dopo aver tirato delle bombe contro la porta per cercare di sfondarla visto che non cedeva mi portai dietro la casa propriamente in direzione della finestra dove lui stava nascosto e lanciandogli una bomba Sipe sopra il tetto della casa mi riparai questa che aveva 4 secondi di tempo dopo essere lanciato per scoppiare arrivata sul tetto rotolò nel vuoto ed all’altezza della finestra dove lui si trovava esplose lui rimase colpito alla testa in 3 punti ed al braccio destro da schegge allora finalmente si decise perdere e darsi prigioniero e fu subito tradotto in montagna per essere prima medicato e curato e poi processato.
Invece nel memoriale autografo di Ermenegildo Dott. Nardini “Pippo” del 19/07/1945, conservato sempre presso l’IVSREC di Padova, Prima sezione, busta n. 42, troviamo:
8) Prelievo del Podestà di Rossano – Martini – Spia fascista – il quale dava la caccia ai patrioti. Durante la cattura il Martini è rimasto ferito. Nessuna perdita fra i nostri.”
Nel volume Il Grido di pace e di vittoria, di F. Zanetti, Officina Tipografica Vicentina, Vicenza, 1946, l’episodio viene descritto così:
Una sera scendono dal Grappa: Bill, Cici, Danilo, Zen, Pastega, Distruggitore. Arivano alla casa Martini, catturano il feroce Podestà al grido: ‘50 uomini a sinistra, 50 a destra, compagnia mortai fuoco’ e come un salame, portano il fascista in Grappa con la carretta di Gigetto Grigolo.
La versione di Francesco Miron, tratta da Memorie di un ribelle, Gramola B. e Vidale D., Arti Grafiche Postumia, San Martino di Lupari (PD), 2004, invece è la seguente:
Ricordo una sera in cui scendemmo da Campo Croce per un prelevamento di persona. Quella sera arrivammo giù a Borso del Grappa, andammo da un compagno che era sempre a nostra disposizione con un carro e un mulo da traino. Chiesi al mio capo Cocco: “Dove andiamo questa sera con il carro?” Pensavo ad un prelevamento di viveri; invece mi disse: “Andiamo a prelevare un gran gerarca fascista che, secondo il pedinamento fatto dalle nostre staffette, questa notte si trova nella sua abitazione privata. Abbiamo tanta strada per arrivare, sempre che non veniamo fermati da qualche pattuglia nemica”. Vidi che nella carretta c’era una pinza tagliafili e chiesi: “Cosa ne facciamo di quell’arnese?” “Dobbiamo tagliare del filo spinato” mi disse. “Non siamo mica in prima linea, qui!”, risposi. “Questo fascista – concluse Cocco – ha l’abitazione recintata di filo spinato: per entrare e avvicinarci dobbiamo aprirci la strada con le pinze!”.
Comunque arrivammo in quel posto e ci rendemmo conto che era la verità: non v’era alcuna possibilità di entrare in quella casa, a meno di non metterci a tagliare il filo spinato. Ci mettemmo ad aprirci un varco, tutti in silenzio, pensando sempre di portare a termine l’impresa senza usare le armi, anche per non essere scoperti dal comando tedesco che stava in Rossano e in Galliera Veneta. Noi eravamo in mezzo a questi due comandi, in località Mottinello. Durante il lavoro – quel volpone teneva in casa tanta gente sfollata, così da avere compagnia – venimmo scoperti; intanto, però, avevamo già aperto un bel varco. Lui, quando ci vide sotto e vicini, ci sparò tre colpi di pistola credendo d’intimorirci, ma noi rispondemmo con alcune raffiche di mitra. Lui ci lanciò una bomba a mano: era veramente un guerriero! La grande casa era tutta al buio. Noi sparammo alle finestre: gli sfollati si misero a piangere dalla paura. Noi dicemmo loro di dirci a che piano si trovavano, perché la casa era di tre piani. Ci dissero: “Siamo al secondo!”. E tutto ad un tratto vennero accese le luci, tranne quelle al terzo piano. Chiedemmo al fascista la resa, dicendogli che non gli sarebbe stato fatto nulla di male; ma lui rispose di nuovo con colpi di pistola e con il lancio di una bomba a mano. Per fortuna nessuna perdita da parte nostra. Pensavamo che non valesse la pena di usare le armi, perché, stando lui dentro e al buio, sarebbe stato assai difficile colpirlo… e poi avevamo anche paura che arrivassero i tedeschi, che stavano ai nostri fianchi.
Stavamo lì, puntando gli occhi alle finestre per vedere da dove sparava, e finalmente vedemmo partire dal buio del terzo piano il fuoco: allora cominciammo anche noi ad usare le bombe a mano. Il nostro capo, “Bill”, disse: “Tiro io!”. Ci voleva il braccio buono per arrivare a colpire un finestrino del terzo piano. Noi avevamo due bombe a mano ciascuno. “Bill” tirò le sue due, ma invano: non fece centro. Io ero lì, buono, e stavo sempre al suo fianco. Mi disse: “Andiamo più vicini e dammi una tua bomba. Adesso devo arrivare lassù!” Gli diedi una mia bomba, la lanciò e fece centro. Sentimmo il volpone gridare: “Mi arrendo! Vengo giù subito!” e si presentò in cortile tutto insanguinato, colpito al braccio destro e alla spalla. Gli dicemmo: “Non temere! Adesso dobbiamo subito sparire da questo posto, ma abbiamo bende e fasce per medicarti e poi abbiamo anche i medici che ti cureranno”.
Ci chiese dove lo avremmo portato e cosa avremmo fatto di lui; gli rispondemmo che lo portavamo sul Grappa e che lo avremmo tenuto prigioniero come nostro ostaggio. Si pacificò. Accompagnammo il carro con il prigioniero fino alla strada del Grappa, ma noi restammo giù per altre azioni. Quel volpone nero si salvò anche durante il rastrellamento del Grappa, perché, quando i tedeschi riuscirono a sfondare le nostre postazioni, tutti i prigionieri furono liberati.


Lascia un commento

Il rapimento di Giovanni Martini a Rossano Veneto (1^ parte)

di Franco Marchiori

Il fatto più eclatante accaduto a Rossano Veneto durante il secondo conflitto mondiale fu senza dubbio il rapimento di Giovanni Martini da parte dei partigiani, avvenuto nell’agosto del 1944.
In questo articolo cercheremo di capire cosa accadde realmente quella fatidica notte attingendo sia da fonti partigiane, che da fonti archivistiche. Prima di addentrarci nello specifico dell’increscioso episodio cerchiamo di fornire alcune informazioni sul protagonista.
Martini Giovanni fu il quinto e ultimo Podestà di Rossano, nominato nel marzo del 1939.

Vedetta Fascista n° 71 Anno XIV Venerdì 24_03_1939

Vedetta Fascista n° 71 Anno XIV Venerdì 24_03_1939.

Rimase in carica per due anni, fino al marzo del ’41, data in cui fu richiamato nella Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale (da ora MVSN).

Comunicazione al Prefetto del richiamo alle armi Martini

Comunicazione al Prefetto del richiamo alle armi Martini.

Ritornò, in veste di Commissario Prefettizio, nel febbraio del ’44, in sostituzione del dimissionario Giovanni Beltramello, e rimase in carica fino al suo rapimento attuato dai partigiani nell’agosto dello stesso anno.

Il popolo Vicentino n° 63 Anno II Venerdì 03_03_1944

Il popolo Vicentino n° 63 Anno II Venerdì 03_03_1944.

La sorte, forse con un po’ di ironia, volle che l’ultimo Podestà di Rossano fosse anche il primo Segretario Politico del Fascio. In un certo qual modo la storia di Rossano nel periodo fascista corrisponde alla storia di questo uomo che, più degli altri, contribuì all’affermazione del Fascismo nel paese. Martini, reduce dalla Grande Guerra tornò a Rossano pieno di grandi ideali e di amor di Patria, lottando per l’affermazione del Fascismo che allora rappresentava la via più credibile per la pacificazione sociale; si espose in prima persona assumendo cariche di rilievo, si fece promotore di diverse iniziative rivolte soprattutto all’educazione delle giovani generazioni, combatté poi come volontario in Africa Orientale Italiana (da ora AOI) per la conquista dell’Impero e fu richiamato alle armi anche nella Seconda Guerra Mondiale. A guerra finita, fu prima incarcerato e poi invitato ad andarsene da Rossano in maniera non molto ortodossa, ma piuttosto efficace: Gino Stragliotto, mezzadro e vicino di casa di Giovanni Martini, racconta di prepotenze subite dal Martini da parte di partigiani del paese a guerra conclusa. Daniele Baggio, Mottinellese reduce della Campagna di Russia, ricorda che tale Giovanni Scapin, ex-internato in un campo di concentramento tedesco, picchiò il Martini in piazza a Mottinello. Francesco Marchetti, col nome di battaglia “Neri Italo”, partigiano dell’Italia Libera e della Martiri del Grappa, racconta che due esaltati picchiarono il Martini in piazza a Rossano.
In paese il Martini non fece più ritorno, se non per essere seppellito in cimitero, in un anonimo loculo senza foto né date di nascita e morte.
Indagando nella vita personale di Giovanni Martini e ricostruendone gli episodi familiari più significativi è emersa una esistenza costellata di lutti e di episodi infelici. Giovanni nacque il 21 maggio 1889 a Mottinello Nuovo di Galliera Veneta (PD), in via Mottinello, dove visse fino al 1906. Si trasferì poi con la famiglia a Mottinello di Rossano Veneto (VI) sempre in via Mottinello. Di fatto si spostò solo da un lato all’altro della strada che fa da confine fra i due comuni e quindi fra le due province; la sua casa, menzionata nei diari di Guido Toniolo come Villa Martini, si trovava dove ora c’è la sede di una ditta che commercia frutta e verdura, conosciuta dai Rossanesi come “il frigo” di Mottinello.
Il nonno, Costante Martini, lavorava come fabbro e costruì la cancellata di villa Comello, da cui il soprannome di famiglia “favari”. Il padre Angelo Martini, assieme allo zio Andrea Antonio, fu il conduttore della filanda dei Comello dal 1896 al 1916. Dopo tale data l’attività della famiglia risulta essere il commercio di bozzoli e la conduzione dell’azienda agricola.

Filanda Martini con cerchio e freccia

Filanda Martini, cerchiato il titolare Giovanni.

Giovanni nacque terzogenito di sei figli, in una famiglia benestante, ma ormai sulla via della decadenza. A 12 anni rimase orfano di madre e nel giro di pochi anni perse anche tutti i fratelli, ad eccezione di una sorella che rimarrà nubile e che vivrà con lui fino alla morte nel 1945. Il 27 ottobre 1914 si sposò a Cittadella con Anna Vittoria Signor detta Ines, il matrimonio però si concluse bruscamente nel 1925 con il trasferimento di residenza della moglie nel comune di Trento. In paese si parlò all’epoca di ripudio a causa di un tradimento.
Per quanto riguarda la vita pubblica, seguendo l’ordine temporale, a Rossano lo troviamo: fra i fondatori del Fascio nel dicembre del 1922, per molti anni Segretario Politico del Fascio stesso, consigliere nella prima Amministrazione Fascista guidata da Achille Sebellin (1923-1926), presidente dei Combattenti, capomanipolo nei Corsi Premilitari, fiduciario dei Sindacati Fascisti, membro della Commissione dei Tributi e dell’Ente Opere Assistenziali, comandante della locale MVSN e infine Podestà e Commissario Prefettizio.

Martni comizio particolare cerchio e freccia

Comizio in piazza, cerchiato Giovanni Martini.

Giovanni Martini fino ai primi anni Trenta svolse fondamentalmente due attività: quella di commerciante di generi vari e di bozzoli per la seta e quella di coltivatore diretto, conducendo in proprio la sua azienda agricola; in seguito mantenne solo la seconda di queste attività. Sul suo conto girano le voci e le opinioni più discordanti: c’è chi lo ricorda come una persona feroce, chi come un pacifico taciturno, chi come un invasato, chi come un trascinatore, chi come una persona burbera… tutti però concordano sul fatto che sicuramente fu un Fascista convinto e che lo rimase fino alla fine e molti ricordano di lui che fu un amante dei fiori e che girava spesso, quand’era in borghese, con una rosa all’occhiello. Di lui in paese non è rimasto molto, poiché né lui né la sorella ebbero figli; la sua casa fu venduta e completamente trasformata.
Per quanto concerne la carriera militare, combatté come Caporale di Artiglieria nella guerra Italo-Turca (Guerra di Libia) e come Caporale Maggiore di Artiglieria nella Grande Guerra, andò volontario in AOI con il grado di Tenente delle Camicie Nere, inoltre nel ’41 fu richiamato alle armi con il grado di Centurione presso la “44a legione” della MVSN in forze a Schio.
Rispetto al suo essere fascista riportiamo quanto egli stesso dichiarò il 21 giugno 1945 presso il carcere mandamentale di Bassano del Grappa nel quale era detenuto:
“Mi iscrissi al Partito Fascista al 1 settembre 1922. Ebbi il brevetto della Marcia su Roma, non quello di squadrista, che, richiesto, mi fu negato. Sono sciarpa littorio. Nella milizia ebbi il grado di centurione per equiparazione al mio grado nell’esercito, e cioè di capitano di artiglieria. Non è vero che io facessi parte della brigata Muti. Non feci mai parte a spedizioni punitive e fu proprio per questa mia contrarietà che non mi si volle riconoscere quale squadrista […] Al 20 settembre 1943 mi iscrissi a Schio, ove ero in servizio quale centurione di amministrazione, al Partito Repubblicano.”
Sappiamo quindi, per sua stessa ammissione, che si iscrisse al Partito Nazionale Fascista (da ora PNF) prima della Marcia su Roma e che partecipò alla Marcia stessa. Poteva inoltre indossare la sciarpa littorio che veniva concessa a chi possedeva il brevetto della Marcia su Roma e aveva ricoperto per almeno 10 anni cariche politiche; stando alla sua dichiarazione, non poteva invece fregiarsi del distintivo di squadrista che non gli fu concesso. È presumibile che partecipò, forse anche solo indirettamente, ad azioni squadriste, in caso contrario non avrebbe fatto richiesta di ottenere il brevetto; ricordiamo anche le minacce intimidatorie pubblicate a suo nome su Il Grappa nel febbraio del 1923.

Il Grappa n° 5 II Domenica 04_02_1923

Il Grappa n° 5 II Domenica 04/02/1923

Evidentemente però le prove da lui addotte per ottenere il distintivo non furono sufficienti. Si iscrisse inoltre al Partito Fascista Repubblicano (da ora PFR) il 20 settembre 1943, praticamente due giorni dopo il discorso a Radio Monaco di Mussolini, in cui annunciava la nascita del partito.
Rispetto alla sua appartenenza presunta o reale alla “Ettore Muti” la questione è controversa. Nelle accuse rivolte a Martini dal Comitato di Liberazione Nazionale (da ora CLN) di Rossano viene citata espressamente questa appartenenza e viene raccontato anche come i partigiani ne sono venuti a conoscenza:
“[…]Alla fine di agosto 1944, per sottrarre la popolazione dall’incubo del Martini, i Patrioti residenti sul Monte Grappa lo arrestarono dopo che il Martini ebbe vivacemente reagito con le armi e venne ferito. Durante la traduzione al Grappa egli cercava di gettare via la propria tessera della Muti, che veniva poi ritrovata e consegnata al Comandante della Brigata Libera Italia ed al suo aiutante “Bill” Cocco Andrea.”
La versione dei fatti del Martini, tratta dalla deposizione rilasciata in carcere nel 1945, invece è la seguente:
“[…]Io non tentai di gettare una tessera della Muti, cui mai appartenni, mentre tentai di gettare il permesso di porto d’armi. Su di esso era indicato il motto “Ettore Muti”; ma il contenuto della tessera si rileva che io non ero iscritto, ma avevo il permesso indicato.”